Parco Nazionale di Durmitor

Uno dei Paesi più ambiti negli ultimi anni per una vacanza low cost pieno di bellezze storiche e culturali, natura rigogliosa e quel tanto di storia che basta a ricordarci chi siamo e da dove veniamo, è il Montenegro.

Conosciuto soprattutto per le sue coste che si affacciano sul Mare Adriatico, con un itinerario che tocca le più grandi e suggestive spiagge, per gli isolotti fortificati e quello stile retrò tanto amato dai turisti stranieri, questa nazione può regalarci davvero molte prospettive.

Al Parco Nazionale del Durmitor si può godere di quella natura ancor oggi a tratti ostica, della bellezza dell’acqua salata, non così calda ma di sicuro rigenerante, dei fiumi imponenti, dei laghi cristallini, dei prati così verdi da sembrare immensi; della profumata foresta di pini neri, caratteristica di questo territorio ma davvero suggestiva nel colpo d’occhio così totalizzante.

Questo parco rappresenta proprio un luogo incontaminato dove potersi ancora fare coccolare dalla natura; un viaggio a ritroso alle origini della Terra e della sua incredibile bellezza, che strizza l’occhio alla stagione estiva ma che rinasce grandiosa durante il periodo invernale.

Il Durmitor National Park si trova nella parte nord-ovest del Paese ed è stato proclamato parco nazionale solo nel 1952.

Racchiude una grande parte del massiccio del Durmitor, da cui prende il nome, e del canyon del fiume Tara, per una superficie totale che arriva a superare i 39.000 ettari.

Le straordinarie cime montuose che superano i duemila metri di altezza, come il Bobotov Kuk con i suoi 2025 mt, i 18 laghi glaciali, chiamati gli occhi della montagna e resi unici dal Lago Nero, il Crno Jezero, la cittadina di montagna Zabljak con il suo centro turistico e la grande e strabiliante ricchezza della flora e della fauna rendono questo parco nazionale una fonte di ispirazione per gli studiosi e per gli amanti della natura.

Addentrandoci in questo ambiente così particolareggiato, non potremo che osservare i tanti turisti che si godono le ore libere fra trekking, rafting, escursionismo estremo, sci e snowboard. Praticare il cicloturismo significa in questo parco riuscire a godersi ogni minima parte in estrema libertà, arrivando anche nei luoghi più nascosti alla vista.

Nella parte di territorio che racchiude il Parco naturale Piva ed il Canyon Tara, secondo per profondità al mondo solo dopo quello del Colorado, trovano rifugio specie endemiche di importante valore scientifico, soprattutto dal punto di vista ecologico, e specie animali diversificate; grazie alla grande influenza dei fattori climatici e antropologici del posto.

Il Parco Naturale di Durmitorregala ai visitatori anche monumenti e rovine medioevali di grande valore storico, oltre che di un fascino fuori tempo, e mulini tipici sparsi per i cosiddetti Katun, villaggi caratteristici di questa parte del Montenegro.

Tutte queste peculiarità hanno contribuito l’iscrizione di questo parco nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco, decisione presa dal Comitato Internazionale del Patrimonio Mondiale dell’Umanità, così come il fiume Tara ed il suo Canyon fra le Riserve della Biosfera.

Il Montenegro quindi rimane un punto di riferimento sia per le estati sdraiati a prendere il sole sulla spiaggia, ma anche per un viaggio turistico invernale; alla scoperta di laghi glaciali, all’insegna dell’hiking camping, il campeggio escursionistico sulle Alpi Dinariche ed al girovagare fra i parchi nazionali, come il Dumitor e il Parco Nazionale di Biogradska Gora.

Il Parco Nazionale di Durmitor è il più grande tra i cinque parchi del Montenegro.

È caratterizzato da una biodiversità che è una continua fonte di studio per gli scienziati ed i ricercatori; persino gli insetti vengono fortemente osservati, grazie alla rare specie di formiche, farfalle e scarafaggi che riempiono questi territori.

Non si può comunque che osservare la natura rigogliosa e gli elementi che rendono il paesaggio un quadro impressionistico: i tanti laghi glaciali, i fiumi rapidi e scoscesi, i profondi canyon e le cittadine di montagna, quasi tirate fuori da una favola d’altri tempi.

Questo parco è davvero una scoperta continua, ed uno die luoghi preferiti da quei viaggiatori che amano l’avventura ed iniziare cammini zaino in spalla e tanta tanta curiosità.


Il fiume Tara 

Il fiume Taraè di sicuro uno dei fiumi più belli al mondo; non solo per le sue acque chiare e cristalline, che viaggiano veloci sul largo corso, ma soprattutto per il paesaggio, caratterizzato da canyon, su cui scorre. Viene considerato il più grande serbatoio di acqua potabile di tutta l’Europa, la sua purezza e l’oasi naturalistica in cui rispecchia lo rendono uno dei rari ambienti ancora intatti.


Flora del parco

Gli alberi e le piante presenti in questo parco nazionalesono davvero unagrande attrattiva per gli amanti della natura. Vi sono conservate con curadavvero tante rarità, come gli incredibili pini neri con tronchi alti più di 50 metri ed un’età che supera abbondantemente i 450 anni e gli immensi boschi di pini, ginepro, cedri e conifere.

Il Durmitor rappresenta tutt’ora uno dei posti più importanti e rappresentativi per la flora di montagna dell’artico terziario. 


Fauna del parco

La fauna di questo parco riflette fortemente il territorio a cui appartiene, oltre che fattori climatici ed antropologici; la sua composizione risponde ad un ecosistema evidente di alta montagna, con notevoli presenze anche di quello mediterraneo e di pianura.

Passeggiando per questo immenso bosco si potranno trovare, non troppo lontani, i rari orsi bruni e branchi di lupi. Ed alzando la testa potremmo incantarci ad osservare il volo maestoso e regale di qualche aquila.


Zabljak

location pin2 Zabljak | Web

La deliziosa cittadina di Zabljak è la sede ed ilcentro turistico del Parco di Durmitor. Punto di partenza per ogni tour, in gruppi organizzati o anche come indipendenti, è divenuta anche la stazione sciistica centrale dove potersi divertire con qualsiasi sport invernale: snowboard, sci, cicloturismo e camminate sulla neve.


Come Arrivare al Parco Nazionale di Durmitor

Per entrare al Parco si deve arrivare per forza alla cittadina di Zabljak, che rappresenta una vero e proprio ingresso; si trova oltre 1450 metri di altezza, l’insediamento urbano più alto dei Balcani, ed è raggiungibile attraverso curve, tornanti e stradine strette; in cui riescono a passare a malapena due macchine. Per questo è vietato l’accesso ai camper di grandi dimensioni ed ai camion troppo larghi.

  • In Auto: utilizzare la macchina è il modo più rapido per arrivare a Zabljak; dalla capitale, ad esempio, dista circa 125 km, un paio di ore di guida su strade di compagna, dalla costa adriatica 185 Km e dalla Croazia circa 170 Km. Non sono distanze proibitive ma di certo necessitano di una guida attenta, visto la tortuosità che si andrà ad incontrare.
  • In Treno: prendere il treno non è un’opzione realizzabile per raggiungere il Parco di Durmitor: la stazione ferroviaria più vicina si trova a ben 75 km di distanza.
  • In bus: anche prendere l’autobus, soprattutto se si viaggia in gruppo, può essere una valida alternativa per raggiungere il Parco; ogni giorno, dalle città più importanti delle vicinanze, Podgorica, Mojkovac, Niksic, partono diversi pullman, distanziati circa un’ora l’uno dall’altro. Il tempo del viaggio cambia dal posto di provenienza, meno di tre ore per esempio dalla capitale, ma toglie tutto lo stress della guida su strade non sempre semplici.

Dove si trova il Parco Nazionale di Durmitor


Dove dormire nei dintorni del Durmitor

Hotel

26 Strutture disponibili

Bed & Breakfast

4 Strutture disponibili

Appartamenti

141 Strutture disponibili